I luoghi della cura

Progetto Alternanza Scuola-lavoro sui luoghi di cura antichi e le tecniche di cura medievali  basati sulla conoscenza delle piante officinali.

Luoghi della cura1

Il progetto vuol far conoscere e riportare alla memoria di tutti noi, gli antichi luoghi di cura, cioè gli HOSPITALES, in cui venivano accolti i pellegrini che percorrevano la Via Francigena. Il nostro territorio è ricco di significativi siti dove sono stati fondati e ancora esistono luoghi di cura che sono stati importanti per la conoscenza e la diffusione della farmacopea e di un patrimonio scientifico che ha avuto antichissimi natali. 

Il percorso è iniziato dall’ospedale e spezieria di S. Fina in S. Gimignano. Questo luogo, oltre ad ospitare i pellegrini, produceva i medicamenti per curare  molte malattie.

Le farmacie si chiamavano SPEZIERIE e necessitavano di piante ed erbe officinali per  produrre le essenze e i distillati che si usavano nella cura.

Dalla necessità di avere a disposizione materie prime fresche e di ottima qualità, nacque l’esigenza di avere un orto per produrre direttamente le piante officinali.

Gli alunni secondo le loro inclinazioni ed interessi seguiranno uno dei due percorsi approntati: SCIENTIFICO (dall'Università alle aziende che producono erbe officinali) o UMANISTICO (dalle biblioteche agli archivi della spezieria). Lo stage che conclude il secondo anno del percorso, verrà svolto in ambiti diversificati.

 A conclusione del primo anno del progetto gli allievi hanno realizzato alcune schede sui luoghi della cura che sono andate a completare il numero consistente già presente sul sito di ecomuseo.

Luoghi della cura